Contatori intelligenti, da oggi cambia tutto: svelato il nuovo piano di risparmio

Stiamo assistendo sempre più al rincaro dell’energia (sia elettrica che del gas): il motivo è dovuto soprattutto ai continui conflitti che stanno avvenendo in Ucraina, e stanno vessando tutta l’Europa, riflettendosi sull’economia di tutta l’Unione Europea.

Già il governo tedesco e quello italiano hanno messo in atto alcuni emendamenti che prevedevano agevolazioni per venire incontro alle famiglie più bisognose, così come alle imprese e agli enti pubblici.

contatori 1 rinnovabiliit

Nel caso più specifico dell’Italia, il governo ha infatti emanato il bonus elettricità che prevede uno sconto di ben 150 euro scalabile direttamente in bolletta, così come anche incentivi fiscali e agevolazioni per chi intendesse acquistare un nuovo elettrodomestico di ultima generazione entro la fine dell’anno corrente.

Nonostante tutti questi (ottimi) provvedimenti, però, sempre più famiglie italiane rischiano di andare incontro alla soglia di povertà, dal momento che è diventato davvero difficile sostenere il costo esoso delle bollette.

Uno dei metodi con cui si sta cercando sempre più di risparmiare è quello dell’adozione dei contatori intelligenti: essi sono infatti degli speciali contatori in grado di controllare la potenza dell’elettricità che viene inviata nelle abitazioni dell’utente finale, in modalità remota.

Come funzionano i contatori intelligenti

Chiamati anche smart meter, i contatori intelligenti sono in grado di ottenere dei dati precisi e puntuali in merito al consumo di energia elettrica, del gas a metano e dell’acqua corrente, e hanno una buona diffusione lungo il territorio italiano. Per inciso, l’Italia rappresenta il primo paese europeo in cui i contatori hanno iniziato a spopolare fin dall’ormai lontano 2001, grazie alle società di distribuzione di energia.

Per controllare in via remota l’energia erogata (ed eventualmente diminuirla, con lo scorso di risparmiare) sarà necessario un aggiornamento del software dei contatori intelligenti, stando a quanto dichiarato dal celebre quotidiano il Corriere della Sera. Una volta aggiornato il software, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (in acronimo, Arera) avrà la possibilità di ridurre a distanza la potenza dell’energia erogata all’utente finale. Al momento non conosciamo con precisione l’entità della riduzione della potenza dell’elettricità, anche se al momento ipotizziamo una riduzione a cavallo tra i 2.7 e i 2.7 kWh. A questo verrà poi aggiunta la suddivisione nelle fasce orarie di maggior consumo da parte dell’utenza, che ricopre anch’essa una notevole importanza in ottica di risparmio.

contatori 2 investireoggi

Non ci resta dunque che attendere ulteriori aggiornamenti in merito a questo depotenziamento dei contatori intelligenti, che siamo certi non tarderanno ad arrivare da parte dell’agenzia nel corso delle prossime settimane o mesi.