Dieci consigli per aprire un negozio online e vendere felici

da

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Tra le vastissima opportunità offerte da Internet vi è quella di aprire un negozio online nel quale vendere prodotti per un bacino di clienti su scala nazionale o mondiale. Tuttavia, come nella realtà, anche su internet esistono delle regole basilari per avere successo, accaparrarsi la clientela e guadagnare soldi. Ne abbiamo individuate una decina, frutto della nostra esperienza diretta affiancata a quella di altri venditori professionisti.

Avviare una nuova attività online può essere costoso e rischioso. Tuttavia, esistono delle regole basilari che, se rispettate, possono garantire maggior successo e minori rischi.

Avviare una nuova attività online può essere costoso e rischioso. Tuttavia, esistono delle regole basilari che, se rispettate, possono garantire maggior successo e minori rischi.

  • Partire con le idee chiare, prima di aprire l’attività e cominciare a vendere è buona norma decidere preventivamente i prodotti che andremo a proporre al pubblico. Frasi quali “Intanto apro e poi si vedrà cosa venderò” sono assolutamente vietate, pena la confusione più totale ed il forte rischio di veder fallire l’intero progetto.
  • Informarsi, documentarsi e specializzarsi sui nostri prodotti. La competenza tecnica offre innumerevoli vantaggi negli affari ed offre ai clienti un servizio migliore. Ricordate che la maggior parte degli utenti che frequentano la rete ed acquistano online sono molto più attenti dei colleghi che frequentano solo i negozi fisici.
  • Se non siete voi stessi i produttori dei beni, è consigliato reperire e verificare i fornitori prima di cominciare a vendere. Aprire un negozio senza aver contattato preventivamente grossisti o aziende che ci forniranno la merce è una pessima idea. La questione è valida anche e soprattutto per il dropshipping. In tal caso potrebbe fare al caso vostro la nostra lista dei fornitori per il Dropshipping.
  • Rivolgersi al commercialista e valutare con esso il tipo di partita iva da aprire, non siate frettolosi, e valutate attentamente le spese cercando di aderire al regime fiscale più conveniente alla vostra casistica. Ricordate che in Italia, le tasse a carico dei venditori sono elevate, anche per la vendita online.
  • Non pensare di seguire il negozio a tempo perso, la sera dopo il lavoro, e soprattutto da soli. Indipendentemente dal volume delle vendite, ci accorgeremo quanto prima che tutto ciò è praticamente impossibile, occorrono almeno due persone per suddividere il lavoro ed una dedizione full time per gestirlo. Il dropshipping non è da meno, le fasi di gestione ordini, allestimento negozio, fatturazione e rapporti con la clientela portano via molto tempo e sono impegnative.
  • Affiancare al vostro negozio online un negozio eBay creando un account di venditore professionista. La vasta popolarità di eBay vi consentirà di incrementare più rapidamente le vendite, diffondere il vostro marchio ed incrementare la vostra reputazione. Considerate le spese di eBay come un ottimo investimento per il successo.
Esempio di negozio di un venditore professionista attivo su eBay

Esempio di negozio di un venditore professionista attivo su eBay

  • Creare pagine sociali del negozio, soprattutto Facebook, Twitter, Google Plus, Pinterest. Suggeriamo di dedicare una persona alla cura dei social network aggiornando costantemente le bacheche ed incrementando i fan/follower con tutti i metodi consentiti, anche a pagamento.
  • Pianificare le campagne pubblicitarie più calzanti ed efficaci per promuovere le vendite senza sprecare inutilmente denaro. La pubblicità più efficace è quella di Google AdWords mirata a farsi trovare maggiormente dai visitatori del motore di ricerca Google, le campagne pubblicitarie di Facebook è rivolta ai numerosi frequentatori del social network mentre servizi di comparazione prezzi quali “Trovaprezzi” e “Kelkoo” sono per gli acquirenti determinati e potenzialmente validi.
Gli annunci in evidenza su Google in seguito all'attivazione delle campagne pubblicitarie di Google Adwords.

Gli annunci in evidenza su Google in seguito all’attivazione delle campagne pubblicitarie di Google Adwords.

  • Aggiornare contenuti, prezzi e vetrina frequentemente, implementando frequenti sconti e promozioni. Se la concorrenza vende lo stesso prodotto a prezzo più basso del vostro dovete chiedervi perché mai l’acquirente dovrebbe comprare da voi. A tal proposito, se i costi elevati dei vostri fornitori non consentono di abbassare troppo il prezzo di vendita, potrebbe essere utile offrire vendite combinate (2×1, 20% di sconto sul secondo prodotto, ecc), spedizioni gratuite o il semplice gadget in omaggio per ogni acquisto. Fantasia ed idee innovative consentono di impennare facilmente le vendite.
  • Dedicare ampio spazio all’assistenza clienti, meglio se implementando un modulo di chat dedicato nel vostro negozio che attirerà maggiormente i clienti e consentirà di instaurare un rapporto di maggiore fiducia e remunerazione. Il vostro servizio clienti dovrà sempre fornire risposte esaustive e veloci. Ricordatevi di attivare un un numero di telefono che dovrà essere pubblicato all’interno del negozio e visibile a clienti e visitatori. Abbiamo appurato che molte persone non comprano nulla senza prima sentire la voce del venditore, potrà sembrare strano ma è la verità.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Protetto da Copyscape