Gli smartphone cinesi sono veloci, affidabili e sicuri?

da

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn3Pin on Pinterest0Email this to someone

Gli smartphone cinesi hanno invaso l’Italia, importati direttamente da terra asiatica e realizzati da aziende molto conosciute in quel paese, quali Meizu, Huawei, Honor, Oppo, OnePlus, Xiaomi, Zopo, iNew e altre. Questi dispositivi affiancano nei negozi, soprattutto quelli online, prodotti più blasonati, realizzati da aziende popolari quali Samsung, Sony, HTC, Apple, Lg o Nokia/Microsoft.

Interfaccia fotocamera dello smartphone iNew V8

Lo smartphone cinese iNew V8, provato tempo fa dal nostro sito.

Grazie al prezzo conveniente, rispetto a caratteristiche tecniche di tutto rispetto e design curato nei minimi particolari, gli smartphone cinesi equipaggiati con Android, godono di grande visibilità sul mercato, con discreto riscontro da parte dei consumatori italiani ed europei.

Lo stile pratico e moderno dello smartphone cinese OnePlus One

Lo stile pratico e moderno dello smartphone cinese OnePlus One

Estetica e qualità degli smartphone cinesi 

Dopo aver provato alcuni di questi prodotti, la nostra conclusione è stata univoca: il materiale degli smartphone cinesi sembra identico a quello adottato in altri dispositivi più famosi, appartenenti a marchi blasonati e internazionali. La scelta di adottare materiali robusti, rappresenta, per il potenziale cliente, garanzia di eleganza e durata. Molto spesso, ad accompagnare l’ottima fisionomia, sono anche dotati di grande display, di eccellente qualità e risoluzione come il Meizu Mx4 Pro, 5,5 pollici da 2560×1536 px.

Lo smartphone cinese Meizu Mx4 Pro

Lo smartphone cinese Meizu Mx4 Pro

Performance, componenti e affidabilità al top

Ci siamo fatti l’idea che, ad assemblare gli smartphone cinesi, siano le medesime mani, incaricate di produrre device del calibro di iPhone, Samsung, LG, Sony e via dicendo. La produzione ti tutti gli smartphone avviene in Cina, con metodi di lavoro simili, all’interno di capannoni adiacenti o condividendo spesso la stessa fabbrica. Aggiungiamo che, all’interno di questi dispositivi, trovano spazio gli stessi circuiti e chip, integrati nei marchi più prestigiosi. Fotocamere, processori, display, memorie, altoparlanti, nel 99% dei casi, quelli dei cinafonini sono uguali agli smartphone famosi. Solitamente, il processore dei dispostivi cinesi Android è firmato da Qualcomm, industria che rifornisce la maggior parte dei dispositivi famosi, con sistema operativo Google.

Per comprendere meglio ciò che stiamo dicendo, citiamo lo smartphone Meizu Mx4 Pro, arrivato in Italia solo da qualche giorno e dotato di processore Samsung Exynos 5430 e fotocamera Sony IMX220 da 20.7 Mpx, guarda caso, identica in tutto e per tutto a quella installata sul modello di punta dell’azienda giapponese (Sony Z3).

Le caratteristiche di primo livello del Meizu Mx4 Pro

Le caratteristiche di primo livello del Meizu Mx4 Pro

Radiazioni elettromagnetiche nella norma

Il parametro di riferimento è quello del SAR (in italiano, tasso di assorbimento relativo), valore che rappresenta l’energia elettromagnetica rilasciata dal dispositivo e potenzialmente assorbita dal corpo umano, misurato in W/Kg. La comunità europea, abbastanza permissiva in materia, stabilisce che il valore massimo di SAR dev’essere pari a 2 W/Kg. Negli Stati Uniti d’America sono più rigidi e il massimo è di 1.5 W/Kg. In Cina non sono molto attenti a queste prevenzioni e i valori delle potenziali radiazioni non sono, quasi mai, comunicate dai costruttori. Tuttavia, siti ufficiali quali Honor e Meizu riportano sempre i valori SAR per tutti i dispositivi presenti in listino. Le radiazioni elettromagnetiche emesse dagli smartphone cinesi rientrano nei limiti di legge e sono spesso inferiori a quelle emesse da insospettabili telefoni famosi.

Citiamo il valore SAR, relativo a tre modelli di smartphone cinesi:

Meizu MX4 PRO: 0,200 W/Kg

Honor 6: 0,378 W/Kg

OnePlusOne: 0,270 W/Kg

Tutta l'eleganza di Huawei Ascend G7

Tutta l’eleganza di Huawei Ascend G7

Android, personalizzato ma robusto e sicuro

In pratica, tutti i marchi cinesi, realizzano smartphone con il sistema operativo di Google. Tuttavia, come prassi comune ad ogni costruttore di telefonini, non si limitano a caricarlo nella sua versione grezza, bensì apportano modifiche, utili ad ottimizzarlo all’hardware. Per questo motivo, i modelli presenti in Italia hanno sempre una versione personalizzata di Android, aggiornabile dal costruttore e più o meno gradevole. Grazie alle innumerevoli personalizzazione offerte dal sistema Google, sarà possibile sostituire l’interfaccia grafica utilizzando famosi launcher di terze parti, quali Nova Launcher, integrabili facilmente sul dispositivo tramite le relative applicazioni. Detto ciò, esistono interfacce grafiche personalizzate quali Flyme per i Meizu o Emui su Huawei, che sembrano davvero complete e ottimamente realizzate, tanto da non richiedere alcuna integrazione o modifica.

Interfaccia Android Flyme 3.0

Interfaccia Android Flyme utilizzata nei Meizu

Assistenza e garanzia con qualche accortezza

In Italia esistono centri di riparazione specializzati nella riparazione degli smartphone cinesi. A disposizione degli acquirenti, alcuni venditori e importatori, offrono i due anni di garanzia, avvalendosi proprio di questi laboratori specializzati. Prima di acquistare uno smartphone cinese, sarebbe buona norma, domandare al venditore la modalità di rivalsa per usufruire della garanzia in caso di guasto del prodotto. Pubblichiamo un paio di risposte, relative all’assistenza, fornite dai venditori:

Offriamo garanzia italiana di 24 mesi per i prodotti presenti sul nostro store, abbiamo un centro assistenza dedicato in Italia quindi per qualsiasi richiesta basterà rivolgersi a noi.” Servizio clienti Meizu.it

Viene offerta Garanzia Italia per due anni presso un laboratorio tecnico associato a noi sito in Italia. La garanzia copre solo i difetti di fabbrica (malfunzionamenti dovuti a cattivo assemblamento). Non copre ovviamente i difetti causati dall’utente. I tempi di attesa per la riparazione / sostituzione variano da 15 a 30 giorni”. Venditore con inserzione su Amazon

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn3Pin on Pinterest0Email this to someone

Protetto da Copyscape