Antitaccheggio in Italia, la risposta della tecnologia

da

Nella classifica dei Paesi con maggior differenza inventariale, ovvero quelle perdite nel settore del commercio al dettaglio derivanti dal fenomeno del taccheggio e da quello delle “sparizioni” dovute a dipendenti e fornitori disonesti, l’Italia si aggiudica un poco onorevole ottavo posto su scala mondiale.

antitaccheggio

Il fenomeno del taccheggio: statistiche italiane e internazionali

Lo ha rivelato la massiccia ricerca del Barometro Mondiale dei Furti nel Retail nell’edizione 2015, che ha identificato l’incidenza delle ruberie nei circuiti nazionali in una percentuale tra perdite complessive e vendite pari all’1,01%, corrispondente a ben 2,95 miliardi di Euro. In vetta alla classifica Messico (1,68%), Olanda (1,48%) e Finlandia (1,38%), mentre il contraltare degli onesti si compone di Norvegia (0,75%), Svizzera (0,76%) e Francia (0,81%).

 SCOPRI LE MIGLIORI SMART TV PER PREZZO  Le migliori Smart TV suddivise per fascia di prezzo

Paesi dove si taccheggia di più (percentuale tra perdite complessive e vendite):

  • Messico 1,68%

  • Olanda 1,48%

  • Finlandia 1,38%

Paesi dove si taccheggia di meno (percentuale tra perdite complessive e vendite):

  • Norvegia 0,75%

  • Svizzera 0,76%

  • Francia 0,81%

I prodotti più taccheggiati

Volendo sdrammatizzare, si potrebbe dire che i taccheggiatori nostrani mostrano anche nella loro deprecabile attività un certo qual buongusto italiano.

 SCOPRI I MIGLIORI SMARTPHONE PER PREZZO  I migliori smartphone suddivisi per fascia di prezzo

 

I prodotti più taccheggiati in Italia:

  • Bottiglie di vino e di liquore;
  • Formaggi;
  • Tagli di carne fresca;
  • Scarpe di marca;
  • Cosmetici e profumi,

Solo in quantità minore troviamo articoli tecnologici, cellulari su tutti. La ragione, in verità, è decisamente più prosaica, dal momento che questi sono senza dubbio articoli molto più rivendibili e solitamente non sorvegliati quanto altri, specialmente nel periodo invernale, quando il traffico della clientela si concentra e i furti schizzano di conseguenza ai record del 46% del totale annuale.

Prodotti più rubati

Come difendersi? Il sostegno della tecnologia

La ricerca, la sperimentazione e l’implementazione dei processi operativi hanno consentito alle industrie del settore della tecnologia per la sicurezza di migliorare costantemente la propria offerta, intercettando e anticipando l’evoluzione della strumentazione di cui a volte i taccheggiatori più professionali riescono a dotarsi, borse schermate in primis.

Particolarmente utile alle aziende italiane del commercio al dettaglio – visto il quadro specifico delle differenze inventariali del territorio nazionale, in cui il 68% rimanda proprio al taccheggio  (45% per opera di clienti, 23% di dipendenti), il 19% ad errori amministrativi e il 13% a frodi di fornitori -, è quindi l’offerta di realtà imprenditoriali che conoscono bene l’ambiente di negozi e supermercati e che hanno diramato il proprio catalogo anche verso i dispositivi di sicurezza antitaccheggio.

Le aziende di settore

In questo senso si distingue Labelstore.it, azienda specializzata nella commercializzazione di una gamma di prodotti che abbraccia interamente il mondo della distribuzione, ivi compresa anche una nutrita selezione di strumenti atti a contrastare fenomeni delinquenziali di questa natura.

antitaccheggio

Si spazia dalle etichette rigide MINI HARD TAG con chiodo ai distaccatori di placche universali, dalle etichette adesive con radiofrequenze ECO ai sistemi Mono Antenna e Doppia Antenna con cui interfacciarle, preziosi ritrovati tecnologici a radiofrequenza con elettronica ECO di serie, avanzate capacità di rilevazione e una incidenza di falsi allarmi tra le più basse del settore.

antitaccheggio

RIPRODUZIONE RISERVATA ©