Come scegliere il miglior monitor per giocare

Sul mercato esistono molti modelli di monitor, tuttavia scegliere il miglior monitor per giocare al computer potrebbe non essere facile. Difatti, i monitor da gaming dovrebbero rispettare alcuni parametri tecnici basilari, da tenere in considerazione per raggiungere l’esperienza di gioco migliore.

Dimensioni dello schermo

Per giocare al computer sarebbe utile acquistare monitor di dimensioni generose, senza esagerare, per poter fruire di tutti i dettagli del gioco. Un display da 27 pollici è in line di massima il taglio perfetto per questo tipo di dispositivi. Monitor troppo piccoli potrebbero far perdere dettagli del videogioco e rendere l’esperienza del giocatore meno efficace.

Tecnologia del pannello

I pannelli dei monitor da gaming possono essere realizzati con tecnologia IPS o VA. Gli schermi IPS (In Plane Switching), nei quali i ristalli liquidi ruotano perpendicolarmente rispetto al display, dispongono di un angolo di visione elevato e superiore rispetto ad altre tecnologie. Nei pannelli di tipo VA, i cristalli liquidi ruotano invece orizzontalmente.

Risoluzione video

In merito alla risoluzione video, il punto di partenza è rappresentato dalla classica Full HD da 1.920 x 1.080 pixel che permette di ottenere immagini ben dettagliate e chiare. Per chi dispone di maggior budget, sarà utile spingersi fino alla risoluzione WQHD da 2.560 x 1.440 pixel. La risoluzione più elevata sarà da preferire se il computer utilizzato per giocare dispone di caratteristiche tecniche avanzate e utilizza una scheda grafica di ultima generazione come la NVIDIA GeForce RTX 3000 o la AMD Radeon RX 6000.

MODELLO

POLLICI

TIPO PANNELLO

RISOLUZIONE

REFRESH RATE e LATENZA

VRR

LINK AMAZON

HP Omen X27

27"

IPS

2560 x 1440

240Hz
1ms

AMD FreeSync

Samsung Odyssey G5 

27"

VA

2560 x 1440

165Hz
1ms

G-SYNC compatibile

Philips 27"

27"

VA

1920 x 1080

165Hz
1ms

AMD FreeSync

Frequenza di aggiornamento

Il refresh Rate è la frequenza di aggiornamento delle immagini in un  secondo di gioco. Sostanzialmente è il numero di volte nel quale l’immagine si aggiorna ogni secondo. Fate attenzione poiché parliamo di uno dei parametri fondamentali per l’esperienza di gioco. Una frequenza di aggiornamento di almeno 144 Hz è fondamentale per fruire di immagini scorrevoli e fluide durante il gioco. Considerate che un monitor moderno classico, progettato per utilizzo ufficio o domestico utilizza una frequenza di aggiornamento di 50/60 Hz. I giocatori più incalliti sono a conoscenza del fatto che pochi decimi di secondo possono determinare i risultati di un intero gioco, magari durante una sparatoria, una partita di calcio o una gara automobilistica. Ecco perché una frequenza di aggiornamento più elevata è fondamentale per il gaming.

Tempo di risposta

Parallelamente al refresh rate c’è poi da considerare il tempo di risposta, ovvero il tempo impiegato da un pixel per cambiare colore (tipicamente dal nero al bianco). Questo valore dovrà essere il più basso possibile (≤ 1 ms) e sarà sempre inversamente proporzionato alla frequenza di aggiornamento (valore di Refresh rate più alto comporteranno un valore molto più basso del tempo di risposta).

Connessioni

I monitor per giocare dispongono di molte connessioni audio e video sul retro. L’importante è scegliere un dispositivo che sia dotato di almeno una porta HDMI e una DisplayPort (entrambe), considerando che le schede video moderne e performanti dispongono di questa connessione video. Inoltre, non dovrebbe mancare la presa per le cuffie audio che permettano al giocatore di non disturbare altre persone presenti nella stanza.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Davide Caprotti
Fondatore di PASSIONEtecnologica.IT, grande appassionato di Informatica, Astronomia e Tecnologia in generale.