Landing Page o Sito Web: Le differenti strutture e strategie

Conoscere la differenza fra una landing page e un sito web è fondamentale per chiunque sia interessato ad approcciarsi al marketing digitale. In realtà è molto utile per tutti, perché riconoscere cosa si ha davanti, ci fa capire subito cosa aspettarsi da uno o dall’altro. Dunque qual è la differenza tra landing page e sito web? E la home page in cosa rientra? Essenzialmente, il luogo in cui viene inviato un visitatore può fare un’enorme differenza per qualsiasi attività. Distinguere fra landing page e sito web significa capire quale sarà la più efficace per le proprie esigenze. La differenza è molto meno scontata di quanto si possa pensare, per questo vale la pena approfondirla a dovere.

Cos’è una landing page?

Una landing page è una pagina autonoma che possiamo creare per inviare pubblico proveniente da un annuncio pubblicitario, un risultato di ricerca, un collegamento e-mail o un post social. Le landing page sono progettate specificamente per convertire un visitatore in un cliente o lead. Una landing page è tipicamente facile da navigare e focalizzata sull’obiettivo: la conversione. Per massimizzare questo scopo, la navigazione viene praticamente rimossa in modo da eliminare distrazioni e presentare solo l’invito all’azione importante per l’azienda. Questo invito all’azione potrebbe essere un pulsante per acquistare, un’iscrizione ad una mailing list, un modulo per darsi contattare, ecc. Il contenuto è focalizzato, idealmente con messaggi e offerte coerenti all’annuncio da cui il visitatore proviene. In questo modo non si creerà confusione nella mente del visitatore che avrà, nella sostanza, fatto il primo passo nel funnel di vendita.

Non esiste navigazione. Il Copy dell’intera landing riguarda esplicitamente servizio offerto. Spesso, è seguito da testimonianze utenti e da descrizioni del servizio, ma tutta la pagina riconduce ad una sola possibilità per il visitatore. Completare l’invito all’azione.

Esempio di Landing Page
Esempio di Landing Page

Cos’è un sito web?

Un sito web è una raccolta di pagine che consentono a una persona di saperne di più su una azienda, sui prodotti o servizi e sul team. È una panoramica generica che dovrebbe adattarsi ad un pubblico più ampio possibile. Molto spesso, i proprietari di piccole imprese indirizzano i visitatori dai loro annunci a una pagina del loro sito web. Più comunemente, questa è la home page. Qualsiasi professionista che lavora nel settore del marketing digitale sa che questo è un grosso errore, perché si abbassa sensibilmente la conversione dell’annuncio. Senza avere un’offerta precisa, senza dare al visitatore delle chiare istruzioni su cosa fare, si rischierà di avere pagato per un visitatore che “naviga” per poi andarsene. Non stupisce dunque, che la maggior parte degli annunci a pagamento (che usano siti web invece che landing pages) non convertano come ci si aspetterebbe.

Come posso distinguere tra landing page e siti web?

Un esempio potrebbe essere quello di cercare i propri concorrenti su un motore di ricerca, e verificare come si stanno comportando. Facciamo un esempio pratico: se scriviamo “prestiti” su google, emergeranno diversi annunci sponsorizzati. Cliccando su uno di questi, andremo su una landing page dedicata, che propone il prestito e ha un unico invito all’azione, ossia quello di calcolare il prestito che si vuole. Al contrario, se andiamo sulle “home page” delle singol aziende, ci accorgeremo che l’approccio è completamente diverso, con la barra di navigazione e l’elenco di tutti i servizi a disposizione. Un sito web è utile per qualcuno all’inizio del ciclo di acquisto e che sta solo facendo ricerche. Per qualcuno che è attivamente alla ricerca di opzioni di finanziamento ed è pronto per procedere, una landing page sarà molto più efficace!

Cosa devo fare se non ho ancora un sito web?

Invece di investire tempo e denaro nella creazione di un sito Web multipagina, valuta la possibilità di creare un mini sito con una pagina di destinazione lunga. È sicuramente più veloce che creare l’intero sito web, e puoi concentrarti sulla vendita del tuo primo prodotto, massimizzando fin da subito le vendite di quello. Utilizzando degli strumenti in drag e drop, la realizzazione è davvero facile, non richiede consulenze esterne e si può completare in circa 1 ora o poco più. Un mini-sito è un sito web a pagina singola che è essenzialmente una landing page estesa, con diverse sezioni che trattano i dettagli importanti del tuo prodotto. Inizia con un’immagine e una proposta chiara e forte, quindi passa alle informazioni sul tuo prodotto / servizio, testimonianze, informazioni sull’azienda. Concludi sempre con un chiaro invito all’azione. Questo approccio convertirà sempre meglio di un sito web completo, poiché la pagina racconta una storia e ha un invito all’azione facile da capire ed eseguire. Inoltre non richiede che un visitatore debba navigare su più pagine per capire cosa deve fare.

Come creare landing page efficaci?

Se l’annuncio è specificamente mirato a un segmento di potenziali cliente, la landing page corrispondente a cui viene inviato dovrebbe riprendere lo stesso messaggio, immagine ed offerta dell’annuncio. Idealmente, a causa di questa coerenza, se stai pubblicando molti annunci, dovresti avere diverse landing pages da abbinare. Una landing page per ogni campagna pubblicitaria avrebbe un rendimento significativamente migliore di più campagne pubblicitarie che indirizzano a una sola landing page. Detto questo, all’inizio per non complicare le cose si parte sempre con una sola landing page ben ottimizzata e focalizzata per diventare profittevole. L’annuncio pubblicitario, unito alla landing page e agli eventuali follow up via mail del cliente costituiscono lo scheletro dei cosiddetti funnel di vendita digitali. Se tu può interessare, trovi qui un approfondimento su come creare funnel di vendita digitali efficaci e profittevoli.

Altro esempio di Landing Page

Quand’è preferibile una Landing page piuttosto che un sito web?

La landing page è studiata per massimizzare le conversioni. Dunque è l’ideale se si ha un prodotto o servizio che si vuole promuovere. Quando hai in mente un’azione specifica che desideri che un visitatore intraprenda, soprattutto se è incentivata con un’offerta limitata e mirata a un segmento specifico dei tuoi clienti, utilizza una landing page. Sono innumerevoli ormai gli studi che hanno certificato l’efficacia delle landing page. In media, considera che una landing page con un chiaro invito all’azione converte più del 100% in più rispetto ad un sito web. Questo significa un risparmio enorme in pubblicità, o viceversa, molto più clienti a parità di costo. Ricordati che avere una landing page non esclude per forza avere un sito web. Per esempio, puoi registrare un URL su cui creare il tuo sito web e successivamente realizzare una landing page specifica per un determinato annuncio. Semplicemente, nell’URL associato alla landing page dovrai eliminare i vari header dei menu, widget laterali e tutte le possibilità di navigazione. In questo modo avrai la tua landing pronta a massimizzare le conversioni, pur utilizzano il tuo URL principale (per esempio, tuourl.com/landing-page).

Come si creano le landing page?

La creazione di una landing page è molto più semplice della realizzazione di un intero sito web, perché oggi esistono strumenti che lavorano via trascinamento e WYSIWYG (what you see is what you get). Strumenti diversi offrono strategie diverse, ad esempio, A/B test, facilità d’uso, possibilità di creare un numero infinito di landing ecc. Il nostro consiglio è di optare per dei software di comprovata qualità, possibilmente sul mercato da anni e che possano garantire la qualità dei servizi (performance, SEO, adattabilità ai dispositivi mobili). Trovi qui un approfondimento sui migliori Landing Page Builder di oggi in commercio.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Redazione di Passione Tecnologica
La redazione di PASSIONEtecnologica.IT il sito italiano dedicato alla tecnologia.