Piastra per capelli, il consumo è elevatissimo: con questa piccola funzione nascosta lo dimezzi all’istante

Prepariamoci tutti ad un autunno e inverno davvero ostici dal punto di vista economico ed energetico. Il 2022 è infatti contraddistinto a pieno titolo dal rincaro dell’energia, che sta vessando tutta l’Unione Europea a causa dei continui conflitti che si stanno susseguendo tra l’Ucrain e la Russia, che han portato ad un aumento esponenziale dei prezzi delle bollette, rispettivamente dell’energia elettrica e del gas.

Fortunatamente lo stato italiano è venuto incontro, emanando diversi aiuti rivolti alle famiglie numerose (con ISEE annuale basso), imprese ed enti pubblici, come i patronati e i centri di assistenza fiscale.

piastra 1 emotionhair

Nonostante tutti questi aiuti e agevolazioni diretti dal Governo, sempre più famiglie rischiano di andare seriamente incontro alla soglia di povertà. Quest’oggi quindi vi forniremo alcuni consigli molto utili per fronteggiare questo rincaro energia, portandovi ad un uso più consapevole degli elettrodomestici, che si rifletterà conseguentemente in bollette dell’energia più leggere nei mesi a venire.

In particolare ci focalizzeremo sulla piastra per capelli, un dispositivo che ad oggi viene molto utilizzato tra le donne per la cura dei capelli, grazie al quale è possibile fare delle acconciature anche molto elaborate. La piastra dei capelli presenta però un consumo dell’energia elettrica davvero considerevole, e bisogna quindi far particolare attenzione nel suo uso.

Per utilizzare qualche numero, una piastra per i capelli standard ha un consumo che spazia tra i 750 watt e i 2500 watt, per quelle altamente professionali e specializzate. Questo rappresenterebbe circa 2/3 di dispendio energetico rispetto ai consumi totali dell’abitazione intera, che varia anche in base alla temperatura che impostiamo.

Il trucco per rispamiare

Passiamo quindi al trucco che vi consente di risparmiare considerevolmente sulle bollette dell’energia elettrica, risparmiando un bel po’ a fine mese, soprattutto nel caso in cui utilizzassimo molto la piastra per capelli in casa. Per quanto riguarda i modelli di ultima generazione, infatti, essi sono dotato di una particolare funzione che permette lo spegnimento automatico: questo consentirà, dopo un certo numero di minuti in cui la piastra è inattiva, di spegnersi in maniera automatica, permettendo di andare in modalità risparmio energetico.

Diverse marche hanno inserito al giorno d’oggi questa particolare opzione, tra cui Dyson, Ghd Unplugged, Babyliss e infine Rowenta. Ognuna chiaramente presenterà modalità di disattivazione e minuti di inattività diversi, ma in ogni modo consentiranno di risparmiare una fetta considerevole a lungo termine, sulle bollette dell’energia elettrica.

piastra 1 amazon

Spesso sono i modelli senza fili ad avere questa funzione incorporata, consentendo un ottimo risparmio nel loro conseguente utilizzo.