Bolletta dell’acqua, finalmente il bonus in sostegno degli italiani: sbrigati a fare domanda

Il prezzo delle bollette è diventato insostenibile, riuscire a risparmiare è impossibile. Arriva il governo in soccorso con un nuovo bonus bollette.

La crisi energetica e il rincaro dei prezzi sta mettendo a dura prova le famiglie italiane. Sempre a che fare con bollette salatissime, cercano rimedi per ridurre i consumi e risparmiare a fine mese. La situazione nei primissimi mesi non è promettente.

fogli con stampato contratto energia e bollette con sopra banconote

Qui però arrivava in soccorso il governo, che sta attuando delle nuove misure per attenuare la crisi sulle spalle degli italiani. Infatti recentemente è uscito un incentivo per pagare le bollette, in particolare quella dell’acqua.

Se pensavate che i bonus sono scomparsi in circolazione, solo perché non se ne parla più, vi sbagliate. È arrivato il bonus acqua per aiutare le famiglie a pagare la bolletta, questo dovrebbe attenuare le spese da pagare a fine mese. Scopriamo come funziona.

Bonus acqua

Il bonus per le bollette acqua 2022 rappresenta un aiuto economico per le famiglie che vivono in condizioni economiche difficili e offre 50 litri di acqua gratis al giorno, a persona. I litri gratis sono, stando a quanto confermano le ultime notizie, la quantità di acqua minima per la sussistenza e i bisogni primari. Superati i 50 litri di acqua al giorno, bisogna poi pagare.

Il bonus spetta a coloro che rispettano determinati requisiti reddituali. A tal proposito è bene chiarire che è prevista una estensione del bonus a 200mila nuove famiglie grazie all’’aumento della soglia Isee necessaria per usufruirne.

In particolare, i requisiti per poter richiedere il bonus acqua 2022 sono:

  • Avere un indicatore Isee fino a 8.256 euro (da 8.107,5 euro valido per il 2022) se singoli.
  • Avere un indicatore Isee fino a 20.000 in presenza di almeno 4 figli a carico.
  • Essere cliente diretto o indiretto.

Precisiamo che l’utente diretto è una persona titolare di un contratto di acqua ad uso domestico, mentre per l’utente indiretto è una persona che non è titolare di un contratto d’acqua e usufruisce di quello intestato al condominio.

Come fare la domanda

La domanda per avere il bonus acqua deve essere presentata al Comune di residenza allegando apposita documentazione che prevede:

  • Attestazione Isee;
  • Modulo di richiesta (Modulo A che si può scaricare dal sito dell’AGAte).
  • Autocertificazione di componenti del nucleo familiare.
  • Eventuale autocertificazione di famiglia numerosa.
  • Aventuale delega, nel caso in cui la domanda non possa essere presentata direttamente dall’utente ma, appunto, da un delegato.

La domanda può essere presentata anche presso un altro ente designato dal Comune, come CAF, Comunità montane, sempre utilizzando gli appositi moduli.

Se il Comune accetta la tua domanda, l’utente ottiene il bonus acqua direttamente in bolletta, con uno sconto sui primi 50 litri d’acqua al giorno a persona. Il bonus acqua ha una durata di 12 mesi a partire dalla data di primo ottenimento del bonus nella prima bolletta scontata. Trascorsi i 12 mesi di beneficio, è possibile presentare nuova domanda per avere il bonus acqua se si possiedono ancora i requisiti necessari.