Scaldabagno, disfatene in fretta: se vuoi risparmiare una montagna di soldi ecco l’alternativa

Le bollette dei prossimi mesi autunnali e invernali saranno davvero salatissime, a causa del rincaro dell’energia dovuto ai recenti conflitti che si sono verificati in Ucraina.

I prezzi dell’energia elettrica e del gas stanno aumentando sempre più, anche se fortunatamente il governo italiano ha già messo in atto alcuni provvedimenti (come il decreto Aiuti-Ter e Aiuti-Bis), come ad esempio il bonus elettricità e agevolazioni fiscali per l’acquisto di nuovi elettrodomestici di ultima generazione.

scaldabagno 1 pgcasait

Nonostante tutti questi aiuti da parte dello stato, però, numerose famiglie rischiano di andare incontro alla soglia di povertà, dal momento che non riescono più a sostenere l’oneroso peso delle bollette dell’energia elettrica e del gas.

È proprio per questo motivo che abbiamo deciso di darvi alcuni consigli utili e accorgimenti pratici, in modo tale da consumare di meno e risparmiare sensibilmente sulle bollette dell’energia elettrica e del gas. In particolar modo oggi ci focalizzeremo sui riscaldamenti, e sull’utilizzo dello scaldabagno, uno degli elettrodomestici senz’ombra di dubbio più in uso all’interno dell’ambiente domestico.

È bene infatti andare a distinguere innanzitutto le differenze che intercorrono tra lo scaldabagno e la caldaia. Partiamo innanzitutto dalle diverse finalità di utilizzo dei rispettivi elettrodomestici: se infatti lo scaldabagno serve ad aumentare la temperatura dell’acqua che utilizziamo per il nostro uso quotidiano, la caldaia è maggiormente implicata nel riscaldamento dell’ambiente domestico.

I vantaggi della caldaia

Uno dei vantaggi principali della caldaia a condensazione risiede nella loro capacità di sfruttare il calore residuo del vapore acqueo e dei fumi di scarico, e questo consente un notevole risparmio energetico. Una delle differenze principali è che sicuramene lo scaldabagno è meno ingombrante, in termini di dimensioni, rispetto alla caldaia. Possono essere rispettivamente scaldabagni elettrici o a gas, e vengono solitamente installati all’interno del bagno.

Fatte le dovute distinzioni tra le due tipologie di elettrodomestici, è bene quindi concentrarsi a questo punto sui consumi della caldaia e dello scaldabagno. In questo caso bisogna fare un distinguo, in quanto esistono numerose tipologie di scaldabagno (a gas o elettrico) che comportano diversi consumi, di conseguenza. Nel caso del gas a metano, infatti, il costo di consumo è sensibilmente inferiore a quello dell’energia elettrica, e il suo uso uso sarebbe circostanziale al momento in cui andiamo a utilizzare l’acqua.

scaldabagno 1 pgcasa

La soluzione di maggior risparmio consiste quindi nella caldaia a condensazione, che a fronte di un costo iniziale forse più alto, porta senz’ombra di dubbio a un risparmio a lungo termine, lavorando a temperature basse. È questa stessa condizione che consente di portare ad un risparmio sulla bollette del gas che può arrivare fino al 30%.