Microsoft, la notizia è ufficiale: mandati a casa centinaia di lavoratori | Scoppia il terremoto

Taglio del personale nel settore Tech, questa volta è il turno di Microsoft. Circa 1000 dipendenti licenziati, la risposta del colloso alla crisi.

Cosa sta succedendo a casa Microsoft? Circa 1000 dipendenti sono stati licenziati da diversi dipartimenti. Il colosso del settore Tech conferma le voci che circolano a proposito.

logo microsoft su pannello espositivo

Dopo Netflix e Snap, Microsoft è l’ultima azienda tecnologica a tagliare il personale per ridurre i costi sulla scia del rallentamento economico globale.  “Diverse società tecnologiche sono state costrette a ridurre drasticamente l’organico negli ultimi mesi poiché gli inserzionisti hanno ridotto le spese per prepararsi a una recessione incombente”, commenta Reuters.

La società ha rifiutato di dire quanti posti di lavoro erano interessati, ma una fonte ha affermato che i licenziamenti erano inferiori a 1000. Si tratta di meno dell’1% della forza lavoro totale di Microsoft di circa 221.000 dipendenti.

Taglio dipendenti nel settore Tech

A inizio settembre Snap, la società cui fa capo la piattaforma Snapchat, ha annunciato il licenziamento del 20% del suo staff di oltre 6.000 dipendenti. Prima ancora, Netflix aveva licenziato circa 150 dipendenti a causa di “esigenze aziendali”, ha comunicato la società leader del video streaming a maggio. Meta, che aveva già congelato le assunzioni, prevede di tagliare i budget nella maggior parte delle divisioni, con licenziamenti previsti.

I tagli nella storica azienda di Bill Gates si sono verificati in una varietà di livelli, squadre e parti del mondo. L’annuncio di lunedì arriva tre mesi dopo che Microsoft ha dichiarato di aver ridotto meno dell’1% dei dipendenti. Un portavoce della società ha spiegato che la società ha lasciato andare altri lavoratori poiché si prevede che le entrate del produttore di software rallenteranno, a causa delle vendite più deboli delle licenze Windows per PC.

logo microsoft sopra palazzo della sede

“Come tutte le aziende, valutiamo regolarmente le nostre priorità aziendali e apportiamo di conseguenza gli adeguamenti strutturali. Continueremo a investire nella nostra attività e ad assumere in aree chiave di crescita nel prossimo anno”, ha affermato Microsoft in una dichiarazione ad Axios.

L’annuncio di Microsoft arriva dopo che diversi dei dipendenti licenziati avevano condiviso la propria amarezza in merito su Twitter e su Blind, un forum su cui i lavoratori verificati delle aziende si confrontano anche con i propri superiori e i propri colleghi.

Questa è solo la seconda tornata di licenziamenti che avvengono quest’anno all’interno del colosso. La prima, nello scorso luglio, aveva preceduto la relazione annuale sugli utili.

L’azienda diretta da Satya Nadella, pur annunciando un aumento del 26% dei ricavi cloud e un fatturato complessivo di 49,4 miliardi di dollari per il terzo trimestre del 2022, aveva previsto un calo di utili e fatturato per il quarto, legato alle fluttuazioni dei cambi. Nel complesso, il numero complessivo dei dipendenti di Microsoft a giugno era comunque cresciuto del 22%, passando dai 181mila del 2021 a 221mila.