Scaldabagno, usa questo metodo: risparmi subito il 30% sul consumo elettrico

Non nascondiamoci dietro un dito: purtroppo i mesi che ci troveremo a vivere nel corso del prossimo autunno e inverno non saranno di certo facili per tutti gli italiani. Oltre all’inflazione nel settore alimentare (che ormai si sta facendo sempre più pesante) anche dal punto di vista energetico la situazione non è delle più floride, anzi.

Stiamo assistendo infatti a un continuo aumento dei costi dell’energia elettrica, a causa purtroppo dei recenti avvenimenti che si sono verificati in Ucraina, riflettendosi sull’economia mondiale intera.

scaldabagno1pgccasa

Vediamo quindi quali sono gli accorgimenti e le precauzioni che potreste prendere nell’utilizzo di determinati elettrodomestici, in modo tale da avere un minor consumo elettrico (e del gas) a livello domestico, e risparmiare così facendo sulle prossime bollette mensili da pagare.

Quest’oggi in particolare ci focalizziamo sullo scaldabagno, uno degli elettrodomestici senz’ombra di dubbio maggiormente utilizzati, soprattutto nei mesi più freddi come l’autunno e l’inverno in cui l’acqua calda è praticamente essenziale e vitale. Nel caso dello scaldabagno elettrico, infatti, l’acqua erogata raggiunge una temperatura compresa a cavallo tra i 35 e i 60 gradi centigradi, naturalmente in base alle esigenze dell’utente finale. Una delle soluzioni più appetibili potrebbe essere quella di acquistare uno scaldabagno istantaneo. A differenza di quello classico, infatti, non presenta un serbatoio e consuma circa il 15% in meno rispetto a un modello standard con accumulo.

Per chi volesse rimanere su un modello più tradizionale, invece, vi forniamo alcuni consigli per scegliere con accuratezza e intelligenza. Innanzitutto è necessario scegliere uno scaldabagno che sia ben proporzionato alle esigenze reali del fabbisogno domestico, senza scegliere dimensioni eccessive rispetto a ciò di cui necessitiamo nella vita quotidiana.

Consigli per gli acquisti

Una delle caratteristiche più importanti da valutare quando si tratta di acquistare uno scaldabagno, è senz’ombra di dubbio la capacità: essa va valutata attentamente in base al numero di componenti di cui è costituito il vostro nucleo famigliare, e in base alle loro abitudini di consumo quotidiano. Per quanto riguarda uno scaldabagno di piccole dimensioni, infatti, la capienza del serbatoio si aggira indicativamente tra i 10 e i 30 litri, una quantità sufficiente per circa 2 o 3 persone. Nel caso in cui il vostro nucleo famigliare fosse composto da più persone (4 o più), l’ideale è optare per scaldabagni con serbatoi più capienti, in modo tale da soddisfare le esigenze di tutti.

Un altro criterio da tenere a mente è la presenza del termostato: scegliete assolutamente uno scaldabagno che abbia in dotazione un timer, in modo tale da programmare la relativa accensione e spegnimento dell’elettrodomestico stesso. Questo consentirà di risparmiare notevolmente sul consumo energetico, portando anche in questo caso a un considerevole risparmio sulle bollette mensili.

scaldabagno 2 nonsprecareit

Importante anche l’orientamento dello scaldabagno: in base alla vostra abitazione, potrete optare per uno scaldabagno verticale (il più classico, solitamente a forma cilindrica) o orizzontale.