Tecnologia in detrazione, finalmente la dichiari nel 730: corri a riprendere i tuoi soldi

Detrazioni fiscali fino al 20%. L’industria 4.0 agevola gli imprenditori che vogliono innovare le loro impresse. Un occasione unica da non perdere.   

Innovare significa essere pronti al cambiamento e, se possibile, esserne artefici. Cambiare le logiche dei trasporti e della logistica di un’azienda può veramente cambiarne le sorti.

una pesona controlla con il tablet una mano robotica

Con l’approvazione della legge di Bilancio 2021, tutti gli investimenti per i beni immateriali che rispettano i requisiti del Piano Industria 4.0 potranno usufruire dei benefici che consentiranno di ottenere il Credito d’Imposta fino al 20% calcolato su un importo massimo di 1 milione di euro.

Tra i beni che rispettano i requisiti, rientrano anche i software SIGEP Transport e SIGEP Logistics. Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione immediata, in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione: questa è una novità particolarmente importante per le aziende, in quanto consente di recuperare subito liquidità, senza dove attendere l’anno successivo.

Cos’è l’industria 4.0

Chiariamo per chi non conosce l’industria 4.0 che cos’è? L’industria 4.0 è un processo che scaturisce dalla quarta rivoluzione industriale e che sta portando alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa. Le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell’ambito di quattro direttrici di sviluppo.

La prima riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività. Si declina in big data, open data, Internet of Things, machine-to-machine e cloud computing per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione.

uomo con gesso scrive sulla lavagna industria 4.0

La seconda è quella degli analytics. Una volta raccolti i dati, bisogna ricavarne valore. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, dalle macchine cioè che perfezionano la loro resa imparando dai dati via via raccolti e analizzati.

La terza direttrice di sviluppo è l’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce touch, sempre più diffuse, e la realtà aumentata.

Infine c’è tutto il settore che si occupa del passaggio dal digitale al reale e che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.

Magazzini e i trasporti, novità in arrivo

Ripensare il proprio magazzino o il proprio sistema di logistica può essere un lavoro impegnativo, ma risolutivo delle difficoltà strategiche o strutturali non più sostenibili.  Gli incentivi fiscali del Piano di Transizione 4.0 possono essere l’incoraggiamento giusto per intraprendere dei cambiamenti risolutivi o sviluppare quelle attività da troppo tempo in attesa.

SIGEP Logistics è il softwareWMS (Warehouse Management System) di GEP Informatica dedicato alla pianificazione, all’organizzazione e alla gestione completa della filiera logistica di magazzino. Gestisce in modo dinamico le caratteristiche dei materiali e di ogni magazzino per permettere l’ottimizzazione continua degli spazi e la possibilità di coordinare la reperibilità e il variare dei prodotti.

SIGEP Transport è il software TMS (Transportation Management System) di GEP Informatica dedicato alle aziende che desiderano gestire e tracciare in maniera completa ed esaustiva tutto il ciclo logistico dei trasporti. Gestisce in modo semplice tutte le complessità operative legate all’organizzazione dei trasporti, ottimizzando le attività operative e di analisi e gestendo globalmente tutta la supply chain.

Le agevolazioni hanno valore retroattivo, poiché sono applicate per gli investimenti effettuati dal 16 novembre 2020 fino al 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023.  La condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 per cento del costo di acquisizione.