Caldaia, finalmente l’abbiamo scoperto: mettendola così risparmi

Conosciamo tutti ormai benissimo la situazione ostica e difficoltosa a cui andremo incontro nel corso dei prossimi mesi, a causa dei continui rincari dell’energia (dovuto ai conflitti in Ucraina, soprattutto) che si riflettono com’è ovvio che sia sulle bollette dell’energia, rispettivamente dell’energia elettrica e del gas. 

Scopriamo insieme alcuni utili accorgimenti che possiamo adottare per cercare di consumare meno energia possibile, e risparmiare conseguentemente sul costo delle future bollette mensili da pagare nel corso dei prossimi mesi.

caldaia 1 corrieredellacitta

In particolare oggi ci concentriamo sulla caldaia, uno dei dispositivi fondamentali soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento e l’acqua in bagno.

Uno dei primi parametri di cui bisogna tenere conto e su cui bisogna prestare la massima attenzione è la regolazione della temperatura della caldaia. Sia che si tratti di un modello di caldaia a gas o che sia una caldaia elettrica, il dispendio dal punto di vista energetico è sempre importante e considerevole, e bisogna pertanto prestare attenzione.

Ogni grado aumentato a livello della regolazione della temperatura, porta ad un consumo maggiore di circa il 5%, portando conseguentemente a bollette più salate. Evitare quindi in questo caso che la temperatura superi i 20 gradi centigradi, con un valore ottimale prefissato a cavallo tra i 18 e i 20 gradi centigradi, che consentono di godere di una quantità di riscaldamento senza dover fronteggiare cifre folli a fine mese.

Altri consigli utili

Un’altra soluzione importante è rappresentata dall’utilizzo di un cronotermostato, un dispositivo molto utile che permette di regolare la temperatura in modo preciso e centralizzato, evitando così sprechi d’energia non desiderati. In particolare, determinati modelli di termostati offrono delle funzionalità caratteristiche incentrate proprio sul risparmio dei consumi energetici.

Per quanto riguarda l’utilizzo della caldaia, inoltre, è più conveniente da un punto di vista energetico tenerla accesa il più possibile, evitando invece di lasciarla spenta per periodi prolungati di tempo. Utile andare a regolare anche la temperatura dell’acqua calda in bagno: anche solo una differenza di pochi gradi centigradi può risultare conveniente in termini di energia risparmiata. Per quanto riguarda l’acqua calda, quindi, il nostro consiglio è quello di utilizzare una temperatura massima di 45 gradi (normalmente si attesta a cavallo tra i 45 e i 55 gradi centigradi), così da avere un considerevole risparmio a lungo termine.

caldaia 2 altieriservice

Ultimo ma non per importanza, è fondamentale una buona manutenzione della caldaia, che deve essere regolarmente controllata per evitare malfunzionamenti di ogni tipo. Una caldaia ben tenuta, infatti, consente di avere minori consumi e quindi un risparmio importante.