Jeff Bezos, stavolta arriva il fallimento: è successo tutto così in fretta

Con il passare degli anni, stiamo assistendo sempre più a una continua e progressiva normalizzazione dei voli nello spazio, rispetto alla percezione (a tratti fatalista) che si aveva fino a poco tempo fa.

Il turismo spaziale diventerà a breve quasi all’ordine del giorno, grazie anche a tutti gli investimenti di Jeff Bezos e la sua compagnia.

Blue origin

 

Sfortunatamente, l’ultimo lancio della navicella New Shepard di Jeff Bezos è stato brutalmente interrotto da un guasto. L’incidente sarebbe successo lo scorso 12 settembre, più precisamente in Texas: a solo un minuto dal lancio, infatti, la capsula del razzo è stata staccata dal sistema d’emergenza a bordo, riportandola a terra. Per fortuna non sono stati registrati danni particolari e tutto il materiale scientifico contenuto al suo interno è praticamente illeso, quindi non c’è da preoccuparsi in tal senso. Vi riportiamo nella sezione sottostante uno dei tweet pubblicati a riguardo, con il video che mostra il sistema d’emergenza e lo sfortunato evento che ha subito la New Shepard, augurandovi come sempre una buona visione.

È bastato solo un minuto affinchè accadesse l’incidente,  con un lancio avvenuto con circa un’ora di ritardo, a causa di motivazioni che non sono nemmeno state dichiarate con precisione dall’azienda. Ricordiamo che infatti la New Shepard è composta rispettivamente da due parti, rappresentate dalla capsula e dal razzo, ed entrambi possono essere riutilizzati senza problemi per lanci futuri.

L’incidente di cui potete visionare il video è accaduto a circa 9000 metri di altitudine, e fortunatamente il sistema d’emergenza ha evitato ulteriori complicanze, riuscendo così a riportare la capsula a Terra, con l’ausilio dei suoi tre paracaduti per attutire la caduta. La capsula è quindi fortunatamente atterrata in suolo texano senza particolari problemi e danni, nonostante siano in corso al momento delle indagini per indagare la natura dell’incidente.

I lanci precedenti

Ricordiamo che la New Shepard (il cui debutto risale all’ormai lontano aprile 2015) ha sicuramente la statistica dalla sua parte, con dietro 21 lanci di successo e senza problemi di alcun tipo, alcuni dei quali ospitavano tralaltro persone a bordo.

Questo incidente del 12 settembre rappresenta quindi ad oggi l’unico sfortunato evento, che comunque è stato gestito in maniera ottima grazie ai sistemi di emergenza presenti. La capsula, inoltre, fa uso di razzi diversi a seconda che al suo interno siano contenuti esperimenti scientifici (come nel caso dell’incidente del 12 settembre) o che trasporti persone.

shepard 2 news in france

Non ci rimane a questo punto che attendere ulteriori aggiornamenti in merito al triste accaduto da parte della compagnia stessa, che siamo certi non tarderanno a venire nel corso dei prossimi giorni o settimane.