Telefono prende poco segnale? Ecco il trucco che tutti aspettavano

Al giorno d’oggi, con gli smartphone di nuova generazione, siamo abituati a mille funzionalità che vengono introdotte di anno in anno, tra pagamenti con chip NFC, display pieghevoli e quant’altro. La funzione principale però, ovvero chiamare e ricevere messaggi, a volte viene quasi accantonata, quando manca il segnale. Vediamo quindi ora alcuni metodi per ritrovare il segnale nei casi in cui il telefono non prende.

Uno dei consigli apparentemente più banali ma funzionali è quello di avvicinarsi maggiormente ad una finestra. Questo permette di abbattere l’ostacolo rappresentato dalle mura di casa, in modo tale da migliorare (si spera) sensibilmente il segnale ed effettuare chiamate in tranquillità.

telefono 1

Un altro consiglio abbastanza similare è quello di allontanarsi progressivamente da altri dispositivi posti nelle vicinanze: questo garantirà la libertà da interferenze che potrebbero far perdere inevitabilmente segnale.

Consigli utili

telefono 2

State attenti inoltre allo stato di carica della batteria: quando c’è poco segnale, infatti, l’antenna dello smartphone lavora molto più intensamente, portando quindi più velocemente ad un drastico calo della batteria. Un altro accorgimento che si può adottare è quello di impostare il telefono in modalità aereo per poi toglierla subito dopo: così facendo, infatti, si “costringe” lo smartphone ad effettuare una nuova ricerca del segnale, con la possibilità di allacciarsi a una rete più idonea.

A tal proposito, vi segnaliamo un’applicazione che permette di rilevare le torri di trasmissione più vicine, OpenSignal. Grazie a questa applicazione, quindi, ci si potrà mettere a favore delle torri più vicine, migliorando la porta del segnale. State attenti, inoltre, a come impugnate il vostro smartphone: in certi modi, infatti, è possibile che vengano coperte le antenne interne del telefono, portando anche in questo caso ad una perdita sensibile di segnale.

Al giorno d’oggi, fortunatamente, è possibile anche chiamare facendo uso della propria connessione Wi-Fi: è il caso di alcune app di messaggistica istantanea come ad esempio WhatsApp e Telegram, che permettono appunto la ricezione di chiamate in maniera completamente gratuita, senza doversi necessariamente affidare alla rete di antenne.