Forno a microonde, da adesso usalo anche per fare questo I Ti risolve un grande problema

Il forno a microonde viene utilizzato in diversi modi a seconda delle necessità, ma questa funzione in pochi la conoscono e può rivelarsi molto utile.

Il forno a microonde è un elettrodomestico presente ormai in molte abitazioni, le piccole dimensioni e la capacità di cuocere il cibo in poco tempo sono tra i motivi più evidenti della sua diffusione.

Microonde-Cucina-forno
Forno a microonde in cucina. Foto da Pexels

Infatti, il forno elettrico tradizionale ha tempi di cottura piuttosto lunghi e la temperatura va impostata correttamente per evitare di bruciare le pietanze. I forni a microonde invece utilizzano un’altra modalità di cottura attraverso la produzione di onde elettromagnetiche che riscaldano le molecole di acqua all’interno delle pietanze. Maggiore è la quantità d’acqua all’interno dei cibi, migliore sarà la cottura.

La battaglia tra forno elettrico tradizionale e microonde si combatte anche sul piano dei consumi. Soprattutto dopo il recente aumento dei costi dell’energia elettrica, le persone sono più attente al risparmio. E’ bene sapere allora che un forno a microonde consuma circa la metà anche perché i tempi di cottura sono nettamente inferiori.

I forni a microonde, però, non sono adatti a tutti gli alimenti. Per esempio, è meglio non utilizzarli per cuocere patate e pollo perché ne altera gusto e consistenza, i funghi tendono a rovinarsi, ed è sconsigliato anche utilizzarlo per riso e verdure a foglie verdi.

La nuova funzione di Instagram

La diffusione del forno a microonde è dovuto anche perché si presta a diversi utilizzi, oltre alla cottura degli alimenti. In molti lo utilizzano solo per riscaldare le pietanze cucinate il giorno prima, altri per scongelare il cibo prima della preparazione, altri ancora ci riscaldano l’acqua per un tè, una tisana o un caffè.

Microonde-Forno-funzioni
Diverse funzioni del forno a microonde. Foto da Pexels

In pochi sanno che il forno a microonde può essere usato anche per sterilizzare oggetti come i vasetti vuoti destinati a conserve o marmellate, oppure il biberon che necessita di una particolare sanificazione prima dell’utilizzo. Il procedimento è molto semplice, ma è importante verificare che gli oggetti siano adatti ad essere inseriti nel microonde per evitare spiacevoli sorprese.

Per sterilizzare i barattoli, basta riempirli d’acqua ed inserirli nel microonde alla massima potenza per due minuti, portando l’acqua ad ebollizione. Al termine il barattolo sarà pronto per l’utilizzo. Per i biberon invece, è necessario un tempo superiore e dipende dalla potenza dell’elettrodomestico. Una volta riempito con 200ml d’acqua il biberon ed inserirto nell’apposito contenitore, impostate la temperatura al massimo. Se la potenza massima è 850 watt, saranno necessari 8 minuti, se arriva a 1000watt basteranno 5 minuti. Trascorso il tempo necessario, aspettare due minuti prima di toglierlo dal forno e poi sarà pronto per l’utilizzo.