BancoPosta, allarme rosso per i clienti: non cadere in questo tranello o perderai tutti i tuoi soldi

Nuovo allarme per i clienti BancoPosta con una nuova truffa online che rischia di far perdere tutti i soldi sul conto corrente.

Crescono le truffe online nel 2023 in tutto il mondo con un danno stimato intorno ai 43 miliardi di dollari. Tra le truffe più comuni troviamo il phishing e i fake shop, entrambi finalizzati alla cessione dei dati personali degli utenti ed in particolare quelli bancari.

Bancoposta-app-poste
App ufficiale Bancoposta di Poste italiane

L’Italia non è certo al sicuro, secondo una ricerca pubblicata dalla società di sicurezza informatica Kaspersky, il nostro paese è al quinto posto per attività di phishing online dopo Germania, Regno Unito, Francia e Paese Bassi.

Le truffe online hanno raggiunto un picco a marzo del 2021, nonostante durante la pandemia siano stati individuati e chiusi oltre 300 siti utilizzati per sottratte dati agli utenti in maniera fraudolenta. I numeri lanciano l’allarme e ci invitano a fare più attenzione durante la navigazione.

Gli stessi uffici pubblici non sono immuni dagli attacchi. Lo scorso maggio, un attacco informatico ha mandato in tilt il sito della Polizia di Stato. Dal racconto del Sole24Ore sarebbero arrivate migliaia di email “false, ingannevoli e soprattutto rischiose”. In quel caso fu chiesto a tutti gli uffici di non aprire l’email, non scaricare l’allegato e soprattutto eliminare immediatamente il messaggio.

La nuova truffa per i clienti BancoPosta

Capita spesso di ricevere email o sms da banca, posta o altri istituti di credito, e non è semplice capire quando stiamo per imbatterci in una truffa. I messaggi sono del tutto simili a quelli dei mittenti originali e portano la firma contraffatta dei nomi più conosciuti e dei conti più utilizzati.

Email-phishing-truffa
Il phishing è una truffa online che può arrivare come messaggio

Su questa linea l’ultimo messaggio che molti stanno ricevendo a nome di Poste Italiane e che rischia di far cadere in errore i correntisti della posta nazionale. Il messaggio, che utilizza la tecnica del phishing, ci avvisa di una possibile anomalia sul conto BancoPosta e ci invita a cliccare su un link per eseguire una verifica di sicurezza. Il phishing è una tecnica utilizzata per spingere le persone a consegnare i propri dati personali in maniera fraudolenta.

E’ importante sapere che spesso chi compie truffe online non entra in possesso dei nostri dati con sistemi tecnologici ultra avanzati, ma siamo noi stessi a fornirglieli senza accorgercene. Cliccando sul link nel messaggio, infatti, si viene reindirizzati ad un sito del tutto simile a quello di PosteItaliane. Il cliente in quel caso è spinto a fornire le proprie credenziali, così da permettere agli hacker di entrarne in possesso.