Contatore, utilizza questa funzione per non sprecare più energia: ti salva completamente in bolletta

Non sai più come ridurre i tuoi consumi energetici? Guarda all’interno del tuo contatore, c’è una funzione che ti permetterà di abbassare le tue bollette.

Con l’arrivo dell’inverno siamo sempre più attenti ai nostri consumi, cerchiamo di non sprecare energia inutilmente. Nell’ultimo periodo adottiamo metodi e trucchi per ridurre i consumi dei nostri elettrodomestici e abbassare il termostato del riscaldamento in casa, ma questo non basta.

tecnico di Enel controlla il contatore e la mano di una persona gli allunga le banconote

Per capire quanto i nostri stratagemmi per abbattere i costi funzionano, dobbiamo confrontarci con gli effettivi valori sui consumi di luce e gas. Qui possono venirci in soccorso i contatore elettrico, in particolare c’è una sua funzione che può aiutarci a monitorare e ridurre i consumi.

Prima di scoprire questa funzione, dobbiamo capire la differenza tra i tradizionali contatori con quelli installati negli ultimi mesi dall’Enel. Infatti i contatori di ultima generazione sono ancora un mistero per molti, non sapendo dei vantaggi che possono portare nelle nostre case.

Come funzionano i contatori

Il contatore è lo strumento che serve a misurare il flusso di energia elettrica che viene utilizzata dal cliente finale. Grazie ad meccanismo a ruote decadiche, per i vecchi contatori o ad un display digitale per i nuovi, esso fornisce informazioni precise sulla quantità di energia elettrica consumata, oltre ad altri dati relativi alla fornitura.

Al momento in circolazione esistono due tipologie di contatori, gli elettromeccanici e gli elettronici. Spesso i proprietari di questi modelli non sanno effettivamente come funzionano e cosa gli distingue. Soprattutto negli ultimi mesi dove sono stati imposti dallo stato l’installazione di quelli di ultima generazione (elettronici).

contatore 2 comparasemplice

Molti si sono lamentati dell’obbligo della istallazione, non cogliendo l’opportunità di risparmio offerta. La causa è anche del governo che non ha comunicato il perché dell’obbligo e i vantaggi portati dai nuovi contatori sui risparmi energetici.

Contatori tradizionali

I contatori elettromeccanici sono i primi ad essere stati installati. Utilizzano un dispositivo meccanico per contare e guardare il consumo. Si tratta di un disco metallico che è mosso dalla corrente e che ha una velocità proporzionale alla potenza impegnata.

Ogni giro del disco corrisponde a una quantità di elettricità consumata dall’installazione elettronica. Per esempio, se il contatore elettrico è impostato a 1.8 KWh ogni giro, questo significa che la rotazione completa del disco ha consumato 1.8 KWh. Il contatore registra quanti giri fa il disco grazie ai cilindri di 9 numeri che, girando, mostrano l’indice di consumo en KWh.

Il contatore tradizionale è un contatore non elettronico che non è in grado di misurare l’energia né per singole fasce né per ora. In questo tipo di contatore, la lettura è leggibile direttamente dal numeratore, presente all’interno del quadrante.

Bisogna fare molta attenzione se si ha questo tipo di contatore perché non è dotato di salvavita, per cui non può sostituire i dispositivi previsti dalla legge sulla sicurezza degli impianti elettrici interni. Sono sempre meno frequenti questi tipi di contatori, perché sono stati progressivamente sostituiti da quelli elettronici, molto più precisi e sicuri.

Contatori di ultima generazione

Il contatore elettronico, sostituto del vecchio contatore meccanico, ha rivoluzionato il rapporto fornitore-cliente attraverso il sistema della telegestione. Permette di gestire il rapporto di fornitura a distanza con semplicità, trasparenza e rapidità. Con i moderni apparecchi è possibile eseguire molte operazioni da remoto, come l’attivazione del contatore, l’aumento della potenza impegnata, con un semplice comando che parte da una centralina a distanza.

Il contatore elettronico è molto più semplice da usare e capire rispetto al vecchio contatore meccanico e permette di effettuare una serie di operazioni che prima non erano possibili, ad esempio distinguere il consumo per le 3 fasce orarie: F1, F2 e F3.

L’utenza domestica standard ha una potenza pari a 3 kW, tuttavia è possibile anche aumentare la potenza per evitare lo scatto continuo del contatore. Per potenze più elevate viene installato un contatore elettrico trifase, simile al modello monofase.

Vantaggi

L’installazione del nuovo contatore elettrico offre dei grandissimi vantaggi per l’utente, vediamo subito come ci può aiutare a controllare meglio i nostri consumi:

  • Permette di tenere sotto controllo i consumi con precisione e trasparenza.
  • Consente di monitorare i consumi e sapere quanta energia si ha consumato (in kWh) nelle varie fasce orarie e quanta potenza effettiva si sta assorbendo.
  • È semplice attivare o disattivare un’utenza, in seguito a una disdetta o a una sottoscrizione di un contratto di fornitura, senza l’intervento a casa di un tecnico addetto ai lavori.
  • L’aumento o la diminuzione della potenza impegnata avvengono con un comando a distanza, se non è necessaria la sostituzione dei contatori.

Vantaggi per il sistema elettrico:

  • Facilità nella gestione del rapporto di fornitura in maniera semplice e da remoto;
  • La lettura del contatore da parte del tecnico del distributore si effettua a distanza (telelettura);
  • Grazie all’efficienza del contatore elettronico si possono ridurre le immissioni di CO2 nell’ambiente, monitorando e regolando in modo efficiente i propri consumi;
  • Questa innovazione unisce il settore dell’energia elettrica e delle telecomunicazioni, che sono le basi per la trasformazione della rete in chiave smart.