Termosifoni, raffica di multe in arrivo: non puoi più metterli così

Nuovi regolamenti in arrivo sul consumo energia, se accendi i termosifoni fuori dalle face orarie imposte dal governo ti aspettano multe salatissime.

Il Parlamento Europeo ha deciso, a seguito degli ultimi sviluppi, di stabilire nuove regole che permettano di fronteggiare l’attuale crisi energetica che ha travolto l’Europa.

termostato riscaldamento

Il nuovo provvedimento è rivolto a tutti i cittadini e impone l’obbligo di accendere i termosifoni in determinate fasce orarie. Gli orari verranno stabiliti tenendo dell’area geografica, temperature e impegni lavorativi dei residenti.

Il governo per far in modo che vengano rispettate le fasce orarie imposte sanzionerà chi non le rispetterà. Scopriamo assieme quali siano questi regolamenti e come rispettarli.

Regolamento

Anche il Governo italiano si è adeguato alle nuove regole sia per l’uso dell’energia che per il riscaldamento. A breve, infatti, proietteranno dei consigli in TV riguardo all’uso corretto dei termosifoni.

Invece per quanto concerne la nuova normativa per la temperatura dei luoghi di lavoro e delle abitazioni, non cambierà molto rispetto a quella degli anni passati. Le variazioni, infatti, saranno piccole:

  • diminuzione della temperatura dei termosifoni di circa un grado;
  • posticipazione di qualche dell’accensione in autunno;
  • spegnimento anticipato di qualche giorno in primavera;
  • riduzione del riscaldamento di qualche ora nell’arco della giornata.

mappa e tabella delle zone climatiche e fascie orarie

Dunque non ci saranno enormi cambiamenti visto che l’Italia prevede già una suddivisione in 6 Zone Climatiche. Per legge non si possono superare i 19° centigradi. Ciò nonostante si possono tollerare massimo 21° centigradi, all’interno delle case, degli edifici scolastici e degli uffici.

Negli edifici artigianali e industriali, invece, il limite è di 17° centigradi. Si tratta della temperatura ideale per svolgere al meglio questi lavori. Si tenga conto che il mancato rispetto del regolamento comporta multa per chi non abbassa i termosifoni condominiali.

Zone climatiche e orari

La legge 10-1991 stabilisce quando è possibile mettere in funzione i termosifoni centralizzati a seconda della zona climatica di appartenenza. Visto che il prezzo del gas naturale cambia a seconda della zona diversa sarà anche la data per l’accensione dei riscaldamenti.

Essendo il nord Italia più freddo i termosifoni si accenderanno da ottobre. Il sud Italia, al contrario, è molto caldo e le caldaie verranno attivate da dicembre. Qui di seguito riportiamo il dettaglio sulle 6 zone climatiche e le ore di accensione dei caloriferi consentite dal nuovo regolamento:

  • Zona F, a cui appartiene l’area Alpina, la legge non impone limitazioni.
  • Zona E, di cui fa parte la Padania, da giorno 22/10/2022 fino al 7/04/2023 i cittadini possono accendere i riscaldamenti 13 ore al dì;
  • Zona D, in cui rientra l’area Appenninica, da martedì 8 novembre 2022 fino al 7 aprile 2023 sono concesse 11 ore di accensione al giorno;
  • Zona C, di cui fa parte l’Adriatica settentrionale, da martedì 22 novembre 2022 fino al 23 Marzo 2023, i termosifoni si possono accendere per 9 ore giornaliere.
  • Zona B, in cui rientra l’area Tirrenica, da giovedì 8 dicembre 2022 fino al 23 marzo 2023, sono permesse 7 ore al giorno di riscaldamento.
  • Zona A, riguarda quindi l’area Sud-Orientale e le isole, l’accensione dei caloriferi è autorizzata per sole 5 ore dall’8 dicembre 2022 fino al 7 Marzo 2023.