Ora solare o ora legale, il nostro tempo cambierà per sempre per via del caro energia

Per anni e anni abbiamo assistito all’utilizzo dell’ora legale per poter fronteggiare il caro energia e tutto ciò che conseguentemente ne deriva. In un futuro più o meno prossimo, però, questa situazione potrebbe cambiare abbastanza drasticamente: scopriamo insieme come.

Diverse sono le idee che si sono susseguite per far fronte al caro energia degli ultimi anni, tra cui anche l’adozione della Didattica a Distanza per la giornata di sabato: ultima ma non per importanza quella proveniente dalla Società Italiana di Medicina Ambientale, che avrebbe addirittura proposto di rendere permanente l’ora legale per tutto l’anno, e non solo per determinati periodi di tempo fissati nel corso dell’anno.

ora 1

I potenziali benefici dell’ora legale permanente

Questa proposta di ora legale permanente porterebbe, ipoteticamente, a un’ora extra di luce solare, diminuendo di conseguenza i costi dovuti all’energia, che come ben sappiamo stanno aumentando sensibilmente a vista d’occhio (anche sul fronte del carburante, come vi avevamo parlato qualche giorno fa in merito al prolungamento fino ad ottobre delle accise).

Secondo le ultime stime che son state recentemente effettuate, il risparmio che proverrebbe da questa scelta sarebbe pari a circa un miliardo di euro nel corso dei primi 2 anni, in base a quanto dichiarato da Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale.

Il passaggio all’ora legale permanente, inoltre, consentirebbe di risparmiare ben 200’000 tonnellate di CO2 all’anno, andando a costituire un sostanzioso passo in avanti anche da un punto di vista strettamente ecologico.

ora 2

Anche la Germania sta cercando di fronteggiare il caro energia: il governo tedesco, infatti, ha recentemente stanziato 65 miliardi di euro con l’intenzione di sostenere le famiglie che hanno subito in prima persona l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia.

Chiaramente al momento queste rimangono solo supposizioni: non ci resta che vedere quali saranno le prossime decisioni adottate dal Governo, nel corso delle settimane o mesi a venire.

Ricordiamo in particolare che è atteso per giovedì prossimo l’emissione del nuovo decreto sul caro energia, che andrà proprio a far fronte (si spera in maniera concreta ed esaustiva) a queste problematiche.