Stop a nuovi impianti eolici per la regione Sicilia

da

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Email this to someone

In una delle nostre regioni più “green”, dove sono stati sfruttati il fotovoltaico e l’eolico per la produzione di energia elettrica , è arrivato lo stop definitivo all’installazione di nuovi impianti da parte del Parlamento regionale.

A causa dell'utilizzo improprio dei fondi europei e della saturazione ambientale degli stessi, la regione Sicilia ha deciso di bloccare tutte le autorizzazione alla realizzazione di nuovi impianti.

A causa dell’utilizzo improprio dei fondi europei e della saturazione ambientale degli stessi, la regione Sicilia ha deciso di bloccare tutte le autorizzazione alla realizzazione di nuovi impianti.

Stando infatti alle dichiarazioni dei deputati che all’assemblea Regionale Siciliana (ARS) hanno adottato il provvedimento, la regione Sicilia è arrivata alla sua massima portata per quel che riguarda l’immissione di energia da fonti eoliche. Visto che la rete non riuscirebbe a supportare un’ulteriore aggiuntiva immissione di energia, sono state bloccate tutte le autorizzazione alla realizzazione di nuovi impianti.

Il problema è che spesso e volentieri vengono aperti dei nuovi parchi eolici principalmente per lo sfruttamento dei fondi europei previsti in materia, e non per la produzione reale di energia. E’ per questo che è arrivato oggi il provvedimento, che dovrebbe anche fermare il dilagante fenomeno malavitoso, che ha visto la proprietà di tutti i più importanti e recenti parchi nella Regione, risalente ad un noto boss locale.

Questa cartina riporta la collocazione degli impianti eolici presenti in Sicilia ed aggiornata all'anno 2008.

Questa cartina riporta la collocazione degli impianti eolici presenti in Sicilia ed aggiornata all’anno 2008.

Visti pertanto gli interessi legati a questo settore, e visto che ancora ci sono centinaia di milioni di euro di fondi europei non spesi, è stata pertanto decisa una regolamentazione più ferrea del settore, per sfruttare le fonti rinnovabili alternative, ma con cognizione di causa. Staremo a vedere se il provvedimento verrà rispettato e se gli altri fondi verranno investiti nel fotovoltaico o altri settori.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Email this to someone

Protetto da Copyscape