Il televisore migliore per il tuo salotto

da

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Finalmente sfoderiamo dal cilindro di Passione Tecnologica una guida, utile a tutti coloro i quali, in procinto di acquistare un nuovo televisore,  si trovano disorientati dalla marasma di offerte e caratteristiche tecniche di cui il mercato è ormai saturo. Nell’articolo troverete tutte le “fondamentali” tecniche da verificare prima di acquistare il vostro prezioso elettrodomestico da salotto.

Scegli il tuo televisore con la nostra guida

Il mercato dei televisori è molto vario, in commercio troviamo modelli dotati di tecnologia lcd, led, plasma, 3D ed altro, ma limitarsi ad acquistarli sulla base della sola convenienza economica o delle basilari caratteristiche appena citate è prassi sbagliata, che potrebbe indurre ad un acquisto di scarsa qualità o semplicemente poco consono alle nostre aspettative.  Per intenderci, se acquistiamo un televisore al plasma dotato da 40 e più pollici ad un prezzo inferiore ai 300€, non è detto che sia un affare poiché rischiamo di portarci a casa un plasma di prima generazione, molto dispendioso in termini di consumi e magari privo della ormai basilare tecnologia full hd. Occorre quindi prestare la massima attenzione.

Si consideri, come prima importante scrematura, che i televisori al plasma, perlomeno quelli di buona qualità ed ultima generazione, rappresentano il top nella resa dei colori (naturali), specie del nero e nella qualità dei contrasti. Purtroppo più sono grandi e più sono pesanti e dispendiosi in termini di consumi.

La prima delle caratteristiche da valutare nell’acquisto di un nuovo televisore è la tecnologia adottata dal dispositivo per illuminare i pixel dai quali è ricavata l’immagine finale che il nostro occhio percepisce. Esistono due tipi di illuminazione, quella tradizionale che utilizza una lampada fluorescente e quella a led che utilizza la luminosità dei led per illuminare i pixel con il vantaggio, rispetto alla lampada, di non emanare affatto calore, di consumare meno elettricità e di avere una vita più longeva rispetto alla lampada. I televisori lcd dotati di lampada fluorescente sono più economici, ma quelli dotati di retroilluminazione a led sono comunque da preferire.

Ma i televisori a led non sono tutti uguali, esistono i modelli “edge” che montano le lucine solo sui lati del televisore incanalando poi la luce su tutto il pannello, ed i modelli “full led” detti anche Direct Led,  che invece sono provvisti di centinaia di led disposti sul retro del display attorno ad una complessa ed articolata griglia. I televisori edge sono più sottili ma forniscono un contrasto delle immagini inferiore  rispetto ai full led che, grazie ad appositi chip elettronici sono in grado di accendere e spegnere determinate zone di luce (local dimming) in base alla figura da riprodurre. Naturalmente questa configurazione è più dispendiosa in termini di consumi elettrici rispetto alla edge.

La tecnologica Direct Led (full led) a confronto con quella Edge

Considerate che più i televisori sono sottili e meno spazio ci sarà al loro interno per gli altoparlanti. Tutto a discapito della qualità del suono. Se avete un home theater poco male.

Per quanto riguarda l’alta definizione, sempre più utilizzata ed apprezzata, tanto da essere  riproposta anche nelle trasmissioni televisive del digitale terreste, è piuttosto chiaro che la sigla full hd 1080p è da preferire a quella hd ready 720p o hd ready 1080i. Si consideri però che la piattaforma Sky, Mediaset Premium ed i canali in hd del digitale terrestre trasmettono a 1080i ovvero hd ready. I dispositivi blu ray sfruttano invece la risoluzione massima di 1080p. Fate una valutazione per il futuro ed optate per una full hd, soprattutto se desiderate acquistare un televisore da 32″ in su.

I principali loghi HD

La frequenza di aggiornamento delle immagini è misurata in Hz. I televisori da 100 Hz saranno in grado di riprodurre 100 immagini al secondo anziché le tradizionali 50, rendendo più nitide le azioni veloci di un film, una partita di calcio o un gran premio di formula 1.  Valutate l’acquisto di un televisore dotato di frequenza minima 100Hz. Fate attenzione anche ai tempi di risposta indicati in millisecondi, più sono bassi e minori saranno gli effetti scia dei video (consigliamo tempi inferiori ai 5 ms).

Recentemente sono stati introdotti televisori 3D, ma anche questi non sono tutti uguali e si distinguono tra attivi e passivi (polarizzati). I televisori 3D attivi necessitano di appositi occhialini elettronici lcd che, sincronizzati con il televisore consentono la visione tridimensionale dei video. I televisori 3D passivi, costano meno dei precedenti ed utilizzano gli occhialini passivi impiegati al cinema ma presentano una qualità video nettamente inferiore rispetto alla tecnologia 3D attiva (circa la metà dei pixel). Poiché le trasmissioni 3D scarseggiano, la maggior parte dei produttori di televisori ha introdotto particolari chip elettronici in grado di trasformare alla meglio le immagini in 3D. I risultati di questa elaborazione tecnica non sono tuttavia sempre apprezzabili.

Gli occhiali utilizzati nei televisori 3D attivi, nell’esempio di Samsung, assicurano un’esperienza full HD a 1080p per entrambi gli occhi. Al contrario, la tecnologia 3D passiva impiega occhiali che dividono la risoluzione di 1080p a metà (540p) per ciascun occhio risultando inferiore.

Ultima considerazione nella scelta di un buon televisore è l’interattività che essa propone e garantisce all’utente. Da qualche anno sono state introdotte le famose “Smart Tv”, ovvero televisori dotati di una piattaforma in stretto contatto con il web che consentono di navigare in internet, scaricare applicazioni e giochi e tanto altro. Se non vi interessa tutto ciò potete tranquillamente farne a meno, la qualità del prodotto è tutta altra questione.

Le principali piattaforme di SmartTV.  Ciascun produttore utilizza grafica e funzionalità differenti.

Non ci resta che augurarvi il migliore acquisto.  Se avete qualche dubbio o perplessità lasciateci il vostro commento.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © 

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Protetto da Copyscape