Cain & Abel – La grande Guida, tipi di password (FINALE)

da

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Siamo arrivati alla terza ed ultima parte di questa speciale guida, dedicata al software Cain & Abel. Dopo aver installato ed opportunamente configurato l’applicativo, come descritto nelle precedenti lezioni, vedremo come sia semplice e sconcertante al tempo stesso scoprire password di accesso, quali Webmail, Home Banking, Paypal e chi più ne ha più ne metta. Ricordiamo che non ci considereremo responsabili per utilizzi di questo software inopportuni ed estranei al semplice utilizzo didattico o di analisi relativamente ad una rete informatica di vostra proprietà.

[box style=”1″]
Le credenziali di accesso dei sistemi  Home banking, avendo adottato protezioni avanzate quali HTTPS e SSL non saranno facilmente intercettabili da questo software.

[/box]

Ricordiamo che grazie a Cain & Abel, ogni computer, connesso alla rete tramite un router potrà essere analizzato, con procedura di “sniffing”, sarà possibile effettuare una statistica dei siti web visitati dai vari client, potranno essere visionate le password e gli account immessi all’interno del browser. Quasi tutte le password potranno essere visionate in chiaro, mentre per altre, sarà necessario analizzare i certificati di autenticazione, spediti contestualmente all’autenticazione dal sito stesso e che Cain & Abel è in grado di intercettare. Questa guida, potrà essere di monito a coloro che, ignari del pericolo, tendono a collegarsi a reti Wi-Fi prive di ogni tipo di protezione WEP o WPA.

Per rilevare le password, dopo aver seguito la prima e la seconda parte di questa guida, sarà sufficiente selezionare dalla Barra B l’opzione Sniffer, e  successivamente dalla Barra Bassa il Tab Passwords (Vedi figura sotto).

Nel riquadro di sinistra, troverete tutte le tipologie di Password intercettabili da Cain & Abel.

Interfaccia ARP Cain & Abel

Le tipologie di password da intercettare sono tantissime, tra parentesi potrete avere un’anteprima sul numero di informazioni captate in diretta dall’applicativo nei confronti del client remoto.

Sarà interessante osservare come, posizionati sull’opzione  http, sarà possibile intercettare nella parte sinistra del software, tutta la cronologia di navigazione WEB intrapresa dal client intercettato. Tra gli elementi da considerare su questa schermata, ci sono l’opzione “Timestamp” che riporta la data e l’ora dell’operazione, “http Server” rappresenta l’indirizzo IP del server remoto visitato dal client intercettato, “Client” è l’indirizzo IP del Computer intercettato, nel campo “Username” e “Password” saranno visualizzate eventuali credenziali digitate dall’utente remoto mentre “URL” riporta l’indirizzo del sito internet visitato.

Discorso a parte va fatto per le credenziali di MSN. Per intercettare tali parametri, occorre, dopo aver verificato che il client remoto abbiamo fatto accesso ai servizi MSN (Utilizza il metodo descritto sopra), spostarsi nel TAB APR sulla barra bassa, e successivamente selezionare dalla lista di sinistra APR-HTTPS. In questo modo potrete visualizzare i pacchetti sniffati e, cliccando con il tasto destro (FILENAME) selezionando l’opzione View potremo visualizzare un documento che analizzato accuratamente ci consentirà di rilevare le credenziali di MSN. Non è altro che un file generato automaticamente da Cain & Abel e contenente tutte le informazioni relative all’operazione di sniffer relativa alla parte MSN.

Siamo giunti al termine della nostra guida a puntate. Se avete domande o dubbi non esitate a contattarci.

[box style=”4″]

Stiamo preparando una guida completa e dettagliata sull’utilizzo di Cain & Abel. Torna a trovarci nei prossimi giorni e riceverai le istruzioni per averla gratuitamente in formato PDF direttamente sulla tua mail.

[/box]

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Condividilo sui Social Network…
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Protetto da Copyscape